benessere, sport e cultura”, confronto Acli-Forza Italia a Termoli

TERMOLI. Acli Molise ha dedicato l’intera giornata di martedì alla città di Termoli.

Nel pomeriggio i tre candidati bandiera blu (mancava solo Armandino D’Egidio), ovvero Claudio Lotito nell’Unico Senato, Annaelsa Tartaglione per il plurinominale alla Digicam e Nicola Cavaliere sempre al Senato, ma proporzionale. In questo secondo incontro, intitolato “Vitattiva: benessere, sport e cultura”, il dibattito è stato stimolato da Nestore Mogavero, Libero Barone, Annamaria Totaro e Francesco Guida, capogruppo della Uilm territoriale, che ha aperto il fronte sulla Gigafactory e sull’ecologia transizione nel più importante sito produttivo molisano. Lavori sempre coordinati da Pasquale Orlando. Nel suo intervento Claudio Lotito ha ribadito l’importanza di rivolgersi al motto “mens sana in corpore sano”, guardando anche alle bellezze naturali del territorio costiero, che sta vivendo giorno dopo giorno, guardando alle Isole Tremiti oltre che alle entroterra. colline e montagne molisane. Da sportivo, che tutti conoscono, vista l’ormai consolidata presidenza del Lazio, ha anche ricordato l’importanza di legare il territorio alla valorizzazione dei beni culturali.

“Abbiamo accolto volentieri questo invito di questa associazione di origine cristiana e cattolica. Ci hanno invitato proprio a mostrarci i programmi di Forza Italia di quello che possiamo contestualizzare all’interno del territorio molisano – ha detto Nicola Cavaliere, che ha giocato in casa – per quanto riguarda la politica, quella che attanaglia di più i problemi molisani, sono quelle sanitarie, quelle di le infrastrutture, oltre alle politiche del lavoro e forse anche quella dell’agricoltura, argomento a me molto caro.

Per la salute, lo diciamo in tutti i comuni, serve un cartello politico di tutte le forze politiche unite che vadano a battere i pugni a Roma. così come Puglia, Lazio e Abruzzo sulla cancellazione del debito.

Per quanto riguarda le infrastrutture, dobbiamo assolutamente rimuovere l’isolamento di questa regione. Questo deve essere un impegno e lotteremo per questo».

Per il candidato Claudio Lotito, invece, «Ci sono due cose che devono essere unite, lo sport e la cultura.

Quando sono entrato nel sistema, sono rimasto un po’ sorpreso dal fatto che, normalmente, ci fosse una dicotomia tra la tutela della salute, in questo caso intesa come forza fisica e la cultura che period corpo in sé.

Penso invece che debbano essere una “mens sana in corpore sano” e quindi significa una cosa importante, che dobbiamo combinare i due aspetti, l’aspetto fisico e l’aspetto mentale e l’aspetto culturale.

Per tornare al territorio, ci sono tante situazioni che vanno tutelate dal punto di vista culturale, ci sono siti archeologici, ci sono bellezze culturali non solo del Molise ma del Paese d’Italia e, oserei dire, un patrimonio internazionale.

Questi vanno tutelati e valorizzati con ausili specifici e, qui, mi riferisco alla Soprintendenza e al Ministero dei Beni Culturali.

Il benessere, con queste bellissime spiagge fa venire voglia di goderselo. Dobbiamo essere consapevoli della responsabilità che abbiamo.

Occorre mettere in atto una serie di azioni per l’usabilità».

Leave a Comment

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.