Commisso-Cairo, partita di corte | Il vicedirettore della Gazzetta dello sport a processo per diffamazione del titolare della Fiorentina

quello della Fiorentina Rocco Commisso porterà in tribunale La Gazzetta dello Sport del suo collega Urbano Cairo: ora è ufficiale, perché il giudice dell’udienza preliminare ha disposto il accusa per la causa intentata dal membership viola. Quindi ci sarà un processo per il reato di diffamazione sulla stampa, di cui la Fiorentina ha accusato il “Rosea”. Commisso vince il primo spherical della l’un l’altro giudiziario che la vede contrapposta al più importante quotidiano sportivo del nostro Paese, in quello che rappresenta un vero e proprio”crociata“Contro alcuni meccanismi del sfera Italiano. La storia risale al maggio 2021 e advert a editoriale firmato dal vicedirettore Andrea Di Carosulla celebre conferenza stampa tenuta all’epoca dal presidente del Fiorentina. In quell’articolo, Gazzetta aveva aggredito Commisso, rivolgendosi a lui come “don Rocco«Per i toni usati in quell’incontro. “Più che da a gangster movie da Coppola o Scorsesesembra uscito da un movie poliziesco italiano di serie B”. E sono proprio queste le parole che hanno fatto il patrono violaabbastanza da spingerlo a fare causa.

In particolare Commisso si sentì impressionato dal suo origini e nel suo percorso di vita di “uomo fatto da sé”, A cui tiene molto. Per lui Gazzetta aveva “offeso la reputazione del tutto comunità italoamericanache quotidianamente lotta per sradicare l’orribile stereotipo che lo associa stigma criminalità organizzata ai nostri connazionali d’oltremare”. Allo stesso modo, la frase “Commisso ricorda a una brutta Italiaa cui preferiamo rimanere solo nei vecchi movie”, sarebbe un chiaro riferimento mafia: giustapposizione “inaccettabile e allusiva offensiva”.

Gazzetta aveva sempre negato ogni offesa, appellandosi Giusto di criticama al termine delle indagini il giudice ha stabilito che l’accusa esiste ancora e merita almeno di essere discussa in prova, incriminando il giornalista. Esprimendo soddisfazione per la decisione, il Fiorentina e il presidente Commisso ribadire in una nota che sono “inaccettabile gli attacchi gratuiti alla reputazione delle persone e al riproporre da stereotipi odiosi discriminatori verso la comunità italoamericana”. Fiorentina e La Gazzetta dello Sportpertanto, saranno visti in un’aula del tribunale di Cagliari (dove il metodo, visto che la prima copia del giornale viene stampata nel capoluogo sardo), probabilmente a dicembre, quando è prevista l’udienza. La battaglia di Commisso continua.

Supporta ilfattoquotidiano.it:
andiamo avanti insieme
le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un quotidiano on-line ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la tua parte con idee, testimonianze e partecipazione.

Grazie

Sostienici ora

Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Serie A 2022-2023, venerdì il sorteggio del calendario: ecco le nuove regole e dove seguire la cerimonia in television

prossimo

أضف تعليق

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.