Confcommercio: “La bellezza salva la città” / Lettere / Casa

Di seguito pubblichiamo un contributo di Confcommercio cesenate sull’arredo urbano.

***

Obiettivo bellezza per Cesena? Certo che si: la bellezza salva la città. Sempre Confcommercio sostiene il percorso di qualificazione urbana dal centro alla periferia e in questa direzione le nostre proposte per un piano integrato di arredo urbano che dia armonia agli interventi di abbellimento, di un intervento sinergico di pubblico e privato su portici e gallerie che necessitano di un restyling. Il nuovo punta senza dubbio verso un maggiore arredo urbano Abaco di dehors e pedane che l’amministrazione comunale, così anticipava l’assessore allo sviluppo economico Luca Ferrinidiventerà operativo dall’autunno dopo l’accordo con la Soprintendenza.

Space esterna e gazebo armonizzati possono contribuire al traguardo di una città più bella, ma il nostro presidente Fipe gli esercizi pubblici hanno fatto bene Angelo Malossi sottolineare che le misure devono tutelare le attività, gli esercizi pubblici, e quindi sarebbe inaccettabile che le piattaforme installate negli spazi da anni venissero rimosse senza poterle sostituire. In questo caso non sarebbe salvaguardato il decoro, ma le messe gli affari sono fuori questione. Ma siamo certi che l’amministrazione comunale non potrà intervenire per ridurre o addirittura togliere posti di lavoro alle persone. I dehors in vari casi sono uno spazio strategico per locali dalle ridotte dimensioni interne e accrescono la notorietà dell’ospitalità urbana.

Tornando alla bellezza della città, obiettivo da raggiungere, Confcommercio si augura che quanto l’Abacus si pone per lo spazio esterno sia un principio applicabile a tutto ciò che contribuisce all’arredo: advert esempio il posizionamento dei cestini dei rifiuti non di rado in luoghi non indicati che vengono resi meno pregiati, o la tipologia di cassonetti che potrebbero essere abbelliti e resi più funzionali alla decorazione. Ma parliamo anche della necessità di più rastrelliere per le biciclette, di un sapiente posizionamento delle panchine nelle piazze del centro e della periferia e potrei andare avanti. La bellezza degli spazi esterni va bene, ma se la bellezza deve essere, deve essere bellezza per tutto. Anche edifici e spazi urbani degradati, che, come si cube da tempo, hanno bisogno di essere rigenerati e rifunzionalizzati. Senza rigenerazione non ci può essere bellezza diffusa.

Augusto Patrignani, presidente di Confcommercio Cesena

أضف تعليق

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.