Il Po è secco e gli animali che vivono sul fiume soffrono la siccità

Il Po è secco a causa dell’allarmante Siccità che negli ultimi tempi sta colpendo l’Italia e ne pagano anche gli animali. Già advert aprile sulle pagine di Kodami si parlava di come la secca del Po e alcuni suoi affluenti nei pressi di Cremona avessero riportato in superficie fossili di animali estinti per decine di migliaia di anni.

Questa siccità storica è dovuta a fattori derivanti dal cambiamento climatico e ci sono stati diversi allarmi. Lungo il Po, advert esempio, non si sono verificati pioggia per più di 110 giorni, il nevicata sono caduti del 70% quest’anno e le temperature sopra la media stanno sciogliendo neve e ghiacciai Alpi zone limitrofe, sottraendo al bacino del Po le sue cisterne d’acqua per l’property.

Questo prolungato periodo di siccità ha portato con sé numerosi disagi per l’uomo: nel piacentino Enel Inexperienced Energy Italia è stata costretta a spegnere temporaneamente le turbine della centrale idroelettrica di Isola Serafini di San Nazzaro; per i membri dell’Osservatorio Permanente sugli usi della risorsa nel bacino padano è indispensabile razionalizzare e sifonare l’uso delle acque disponibili, soprattutto per l’irrigazione dei campi coltivati. E questi sono solo alcuni dei problemi che il Nord Italia è costretto advert affrontare in questi mesi.

Le difficoltà per gli animali del Po

Ma la siccità non ha solo implicazioni drammatiche per l’uomo, anche il comunità animali che lo abitano. La biodiversità del fiume più grande d’Italia è impressionante ed è possibile testarne appieno la ricchezza anche con una semplice passeggiata.

Passeggiando sulle sponde del Po all’alba, infatti, bisogna prestare particolare attenzione a non spaventare uccelli acquatici e trampolieri. Sulla superficie dell’acqua è possibile vedere gallinella d’acqua, l’alzavola e il canapiglia, che si nutrono di piccoli pesci e alghe, rimanendo in acqua per gran parte della giornata. Spostando lo sguardo sulla riva, però, aguzzando lo sguardo, potremmo scorgere alcuni trampolieri, uccelli adattati alla vita in ambienti fangosi e con fondali bassi che si nutrono di tutti quegli animali che abitano gli argini come piccoli anfibi e piccoli invertebrati. Tra questi il piccolo corriere, animale migratore che ama trascorrere le sue estati proprio sul fiume Po.

Piccolo corriere (Charadrius dubius)
nella foto: Corriere piccolo (Caradrio dubbioso)

Tuttavia, non sono solo gli uccelli a frequentarne le sponde. Anfibi, mammiferi e rettili trovano dimora tra i canneti che si alternano advert ogni ansa del fiume. Se presti molta attenzione puoi notare l’arvicola acquaticoil donnolail nutriapiù strettamente legati agli ambienti acquatici e persino advert animali come il Riccioil Talpail tasso e il Volpeche sono assolutamente dipendenti dal fitto groviglio di relazioni che le legano alle piante e agli altri animali del Po. Si tratta di animali che popolano il fiume in diversi momenti della giornata e che sarebbe possibile ammirare anche semplicemente seduti advert osservare su una sponda.

Nutria (Myocastor coypus)
nella foto: Nutria (Miocastor coypus)

A pagare i costi dell’insolita siccità, sicuramente più di tutte troviamo le specie ittiche che da sempre abitano le acque del Po, come il trota marmorata e cavedani. Camminando lungo il fiume, se sei abbastanza fortunato, puoi trovare anche degli dei luccio, splendidi predatori che possono raggiungere fino a 1,40 metri di lunghezza e superare i 20 kg. Concludendo il nostro viaggio arrivando al maestoso delta del Po, troviamo specie lagunari residenti come i ghiozzila latterro e alcune specie di pesce in the pastoltre alle specie marine migratorie come Spigola, l’orata e 5 specie di cefali.

Luccio
nella foto: luccio (Esox lucio)

Ogni ecosistema è formato da un’intricata rete di connessioni tra le numerous comunità animali e vegetali. Per questo tutte le specie animali che trovano nel Po un fresco rifugio, una fonte di cibo e un luogo dove costruirsi la tana sono estremamente penalizzate dalla sua bassa profondità.

أضف تعليق

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.