Ma quanta bellezza c’è oggi nello sport cittadino?

Preparazione atletica © nc

Lo sport in città dedicato ai bambini, quello che tutti vorrebbero, e che tanto invidiamo all’Italia, qui spesso ha le sembianze di un servizio marginale a cui vengono destinate solo risorse limitate. Non dimentichiamo che nelle promesse elettorali fatte nei salotti della television, per lo sport come per la cultura si spendono parole belle e importanti, si annunciano progetti imprescindibili per la devianza giovanile, per la sana crescita dei bambini e per tanti altri effetti benefici sulla società. civile.

Sfortunatamente, queste sane intenzioni si dissolvono il giorno dopo gli insediamenti. Perché una vera politica per lo sport comprende la volontà di porre al centro dell’attenzione dell’amministrazione comunale, sia sotto l’aspetto economico che organizzativo dei servizi, la cultura sportiva e lo sviluppo dell’attività fisica. Privati, associazioni, palestre fanno quello che possono ma senza il supporto non solo economico ma anche delle strutture, non hanno grandi possibilità di sviluppo.

Adesso advert Andria abbiamo l’Assessorato alla Bellezza, ma se facciamo un giro degli impianti sportivi c’è poco da vedere. Piante che anni fa erano un patrimonio invidiato da tutti, oggi sono in gran parte in degrado o abbandono. Una volta avevamo una pista di pattinaggio poi trasformata con una spesa notevole in una cosa inutile, e ora, pare, affittata a privati ​​per lo sport della moda (tra i grandi): ma i ragazzi? Il vero bello sta nel vedere tanti ragazzi attrezzati per le più various self-discipline sportive, correre e divertirsi sotto la guida esperta di istruttori, impegnarsi in competizioni e socializzare nei giochi di squadra.

Quindi il vero compito di promozione sportiva che una seria amministrazione può assolvere non è solo nella realizzazione degli impianti, ma nella seria e costante manutenzione degli stessi; nell’aprirsi al massimo delle proprie possibilità ricorrendo anche a quelle strutture scolastiche chiuse a qualsiasi attività. Il fronte specifico del supporto sta nel favorire la più ampia offerta di self-discipline sportive che oggi si limitano al calcio, alla pallavolo o alle arti marziali, al tennis e poco altro. I giovani devono sapere che ci sono decine e decine di self-discipline sportive a cui avvicinarsi e praticare: spetta alla politica dare queste opportunità.

Ormai da qualche anno advert Andria abbiamo seppellito ogni occasione per vedere uno degli sport fondamentali delle Olimpiadi: l’atletica. Tanto di cappello alla volontà di alcuni istruttori come Pino Tortora e Antonio Lopetuso che hanno salvato la marcia che, con evidenti disagi, si svolge per le vie cittadine; una disciplina che, tuttavia, sta dando notevoli risultati al Comune. Vedi i recenti successi di Di Bari, Fortunato, Lomuscio, Selvarolo, Ribatti nel Triathlon, e di tante altre giovani promettenti che, tra l’altro, devono emigrare per continuare l’attività agonistica.

Abbiamo avuto nei giochi giovanili una riserva di piccoli e interessanti atleti che, tra le migliaia di bambini partecipanti, hanno potuto continuare con successo in questo sport. Ma tutto si è concluso dedicando il secondo stadio di Andria esclusivamente al calcio, lasciando decadere la pista di atletica e tutte le relative attrezzature. Il nuoto è ormai un altro triste episodio della nostra storia sportiva; e chissà quando e come verrà restaurata una struttura abbandonata al degrado e contesa in sede giudiziaria da situazioni fallimentari.

L’impegno che si richiede a una buona amministrazione che voglia progettare il futuro della Città è quello di dedicare allo Sport mezzi e personale adeguati e, soprattutto, investire sui giovani con iniziative degne di una comunità che vuole elevare la qualità della vita. Se la bellezza salverà il mondo, gli farebbe bene trovare un po’ di tempo per lo sport in città.

أضف تعليق

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.