Monsignor Seccia: Cari turisti e vacanzieri, benvenuti in bellezza

SALENTO – Il messaggio dell’arcivescovo Michele Seccia ai turisti e ai villeggianti in arrivo nel Salento: “Cari turisti e vacanzieri, benvenuti nella bellezza!
La Chiesa di Lecce vi accoglie come fratelli e sorelle facendo proprio l’invito di Gesù ai suoi amici: Venite da parte, voi soli, e riposatevi un po’.
Dopo il “riposo forzato” che la pandemia ci ha imposto da troppo tempo, ora è il momento giusto per un “meritato riposo”. E le nostre città e il nostro mare sono i luoghi più adatti per riallacciare rapporti interrotti ma anche per entrare in contatto con il Signore.
Spesso si sente dire: “la fede non va mai in vacanza”. è vero, la ricerca di Dio, il bisogno di incontrarlo e raccontargli la nostra vita, la preghiera come rapporto con il Padre… sono esperienze senza scadenza. Il tempo di Dio è sempre. Per questo, se dedichiamo qualche giorno al riposo fisico, interrompendo i ritmi della solita routine, nel nostro cuore e nella nostra mente faremo di tutto per non sospendere il contatto privilegiato con Lui. riprendere – se fosse allentato – il dialogo con l’Eterna Bellezza.
Lecce e tutti i luoghi della diocesi sono scrigni di sacra bellezza: visitandoli, non fermarsi all’esteriorità dell’arte, ma andare oltre per assaporare l’operosità dell’ingegno umano, frutto della fecondità del Creatore. E se, entrando in chiesa, hai bisogno di un sacerdote al quale confidare le tue ansie e fragilità, non temere di chiedere: troverai ascolto e tanta paternità.
Attenzione anche advert incrociare con gli occhi del cuore i poveri che incontrerete agli angoli delle strade e sulle spiagge infuocate, magari per vendere qualcosa nel tentativo di guadagnarvi la dignità: ne troverete tanti. Non distogliere lo sguardo.
Approfittane per dedicarti più attenzioni a tua moglie, a tuo marito, ai tuoi figli: ridarai il lucido e il colore alla bellezza dell’amore familiare da vivere come chiamata alla felicità e alla santità.
A voi, bambini e giovani. Mi affido al vostro senso di responsabilità e alla virtù della prudenza. Mi raccomando: non perdere di vista la bellezza della vita che è particolarmente generosa con te. Mai metterlo a rischio con eccessi inutili.
La Stella del Mare, che nella nostra Chiesa locale veneriamo come Madonna di Roca nel Santuario affacciato sull’Adriatico, illumini i tuoi passi e ti sostenga in ogni tua scelta.
Ti benedico di cuore.
Lecce, 29 giugno 2022
+ don Michele
arcivescovo”

hyperlink sponsorizzato

أضف تعليق

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.