morì sotto i 50 gradi Rhodesian Ridgeback

Una crudeltà verso gli animali. Una mamma lascia il cane dentro l’auto al sole e dentro la portiera piscina la figlia. L’animale è stato trovato morto sotto i 50 gradi Rhodesian Ridgeback. La segnalazione è arrivata da coloro che frequentano il le piscine Santini di Veronache ha capito cosa stava succedendo e ha chiamato la polizia.
Coppia in viaggio di nozze bloccata in Madagascar: “Nostra figlia Aurora è seria, non possiamo tornare”

Verona, cane morto in macchina: intervento della polizia

Quando sono intervenuti i carabinieri locali, hanno cercato di salvare il cane. Rompono i finestrini, tirano fuori la bestia dalla cabina di pilotaggio. Ma non c’period più niente da fare. In città i termometri indicavano 36°, che diventano 50° anche in macchina al sole senza ombra, senza alberi, senza finestrini aperti. Dopo aver soccorso il cane, chiamando anche un veterinario, gli agenti si sono poi recati alle piscine e hanno lanciato l’allarme.

Incidente A7, cosa è successo veramente? L’inversione di marcia e la corsa matta nella direzione sbagliata: le ipotesi (e cosa non torna)

Il proprietario in lacrime

Quando la proprietaria del cane (un trentenne) è stata informata al megafono dell’accaduto, si è messa a piangere quando ha capito cosa period successo.

Cosa prevede il codice

Il Native ha avvertito il pm di turno Gennaro Ottaviano che denuncerà la donna ai sensi dell’articolo 533ter cp per maltrattamenti sugli animali provocati anche dalla morte. “Chiunque, con crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione advert un animale o lo sottopone a tortura o comportamento o fatica o a un lavoro insopportabile per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da 3 mesi a 18 mesi o con la multa da 5.000 a 30.000 euro. La stessa pena si applica a chiunque somministri agli animali sostanze stupefacenti o vietate o li sottoponga a trattamenti che arrechino danno alla loro salute. La pena è aumentata della metà se la morte dell’animale deriva dai fatti di cui all’artwork. primo paragrafo “.

Sara Pegoraro, modella muore a 26 anni per un malore: si sarebbe drogata dopo essersi sentita male

Le testimonianze

«Sono andata in piscina con mio figlio», spiega Arianna Bellomo, commercialista a L’Area, «e abbiamo sentito l’annuncio in altoparlante. I gestori della piscina hanno poi lasciato fluire il pubblico da un lato, non dall’ingresso principale in modo che i bambini non potessero vedere la scena, così cruda. È stato terribile. “

أضف تعليق

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.