Tra silenzio e bellezza nel cuore dei Sibillini, un percorso di 14 km che ha tra le sue mete più belle una chiesa del XIII secolo in Borgo San Giovanni

VISSO – Questa volta andiamo nel cuore dei Sibillini per riscoprire un percorso fatto di storia e devozione contadina, per assaporare la bellezza del silenzio e del contatto con la natura. Un percorso che parte da Visso, per attraversare quelli che un tempo erano sentieri utilizzati da contadini e allevatori.



Sentiero
Il percorso è essenzialmente un’escursione alla scoperta del mondo intorno al Monte Cardosa, tra boschi (ideale per un’escursione nel periodo estivo) e strade prevalentemente sterrate. Il monte Cardosa o più semplicemente Cardosa è una montagna situata nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, nelle Marche in Provincia di Macerata, alta 1818 metri e una piccola parte è compresa nella provincia di Perugia, Umbria. Alle pendici di Cardosa si trovano Castelsantangelo sul Nera, Nocelleto, Rapegna, Visso e Borgo San Giovanni. Il percorso è un comodo anello, seppur piuttosto lungo, con partenza da Visso in località Borgo San Giovani. Mulattieri e antiche strade come “compagni di viaggio” fino a quando la sorgente del Vinghetto non viene finalmente attraversata a metà, da dove si può apprezzare la bellezza dei monti Sibillini e del Monte Bove non troppo lontano.


L’antica chiesa
Raggiunto il punto più alto della passeggiata, il sentiero comincerà a perdere quota e scendere fino advert incrociare uno dei punti più interessanti del sentiero (che avviene quando più della metà del percorso è già stato percorso): la chiesa del Madonna di Cardosa in Borgo San Giovanni. Chiesa edificata verso la tremendous del Duecento, il cui nome deriva dai cardi selvatici che crescevano nei prati intorno alla chiesa. La chiesa è costituita da una sacrestia e da alcuni locali destinati advert abitazioni ed period un tempo adibita a luogo di ricovero dai pastori della zona. Nel corso del Settecento la chiesa fu completamente rinnovata: fu costruito un altare barocco in legno intagliato e dorato e l’arco trionfale affrescato con motivi geometrici e floreali, mentre nella volta dell’aula period raffigurato lo Spirito Santo in forma di colomba e angeli. Ma ora la chiesa non è accessibile a causa dei danni causati dal terremoto del 2016.


L’arrivo
Superato questo punto di grande interesse, il percorso advert anello è quasi giunto alla conclusione, mancano infatti pochi chilometri prima di raggiungere il punto di partenza e quindi il mezzo che vi riporterà a casa. Prestare molta attenzione alle condizioni meteorologiche prima di iniziare l’escursione. Vista la stagione calda e le temperature decisamente elevate, sarà fondamentale predisporre tutte le precauzioni necessarie per completare l’escursione in sicurezza. Prestare attenzione anche alla durata della camminata (circa 6 ore con soste adeguate), quindi si consiglia vivamente di affrontare il percorso iniziando la mattina presto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

أضف تعليق

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.