Ultimi giorni della mostra “Bellezza e Terrore”.

Ultimi giorni per visitare la mostra “Bellezza e Terrore: luoghi del colonialismo e del fascismo”. Giovedì 22 settembre Workshop dell’artista Délio Jasse. Dalle 15.30 alle 18.00

Ultimi giorni per visitare la mostra”Bellezza e Terrore: luoghi del colonialismo e del fascismo“, A cura di Kathryn Weirche sarà aperto fino al 26 settembre. Un percorso espositivo che comprende opere appositamente commissionate da Museo Madre, accanto a opere preesistenti, tutte accomunate da una fondazione basata sulla ricerca, e che analizzano l’eredità contemporanea dell’interconnessione tra colonialismo e fascismo, esplorando l’apparato teorico che sta alla base di entrambi. La mostra è stata realizzata con la collaborazione di Goethe-Institut, Napoli, ed è stato accompagnato da un programma pubblico organizzato con la partecipazione del Analysis Laboratory Centre André Chastel (Sorbonne Université), Parigi; della Mostra d’Oltremare, Napoli; del Piano di Recupero, Firenze; e di Villa Romana, Firenze.

Giovedì 22 settembre, dalle 15:30 alle 18:00lo spazio espositivo ospiterà un laboratorio d’artista Delio Jasse, che interviene nelle narrazioni storiche del fascismo e del colonialismo italiano attraverso una rielaborazione di immagini d’archivio utilizzando tecniche sperimentali di stampa storica come la cianotipia. Per questo workshop l’artista ei partecipanti lavoreranno su una selezione di foto d’archivio e in stile vernacolare, comprese le immagini di coloni in partenza per la Libia dal porto di Napoli.

Giovedì 22 settembredalle 18.00, appuntamento con due degli artisti presenti in mostra. Si comincia con l’incontro con Alessandra Cianelliche condividerà con il pubblico le riflessioni e le ricerche che hanno nutrito il suo lavoro esposto in mostra Sulla pratica della meraviglia e la necessità di un archivio”. Verrà proiettato un breve brano del movie “Cristo si è fermato a Eboli” (1979) di Francesco Rosi, e presentato un podcast inedito che ripercorre la storia della scomparsa dell’artista nonno. Giulia Piscitelli parlareà delle sue opere in mostra, e la proiezione di “Loredana e Daniele”, realizzata nel 2005 e ultimata in occasione di “Bellezza e Terrore”: un movie inedito che ritrae il matrimonio napoletano che ha riunito membri della comunità italo-eritrea ed etiope-italiano.

Entrambi gli appuntamenti – il workshop e gli incontri – sono gratuiti e accessibili previa disponibilità.

Leave a Comment

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.